Alvise Vidolin

Subject of Study: Electronic Music | 31st July - 9th August 2019

About Alvise Vidolin

Sound director, computer music researcher, and live electronics interpreter, Alvise Vidolin has given his services to several important Italian and foreign institutions and has worked for several renowned composers. He has published various scientific works, CD and SACD and held conferences in the field of sound and music computing,  and he is working on the scientific potentials in composition and execution of music offered by informatic means and multimodal systems.

Profile

New Music Project

Live electronics
digital signal processing
spatialization
performance environment
sound direction

ITALIANO

Regista del suono, musicista informatico e interprete Live Electronics, nasce a Padova nel 1949 dove compie studi scientifici e musicali. Ha curato la realizzazione elettronica e la regia del suono di molte opere musicali collaborando con compositori quali Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino, per esecuzioni in festival quali Biennale di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Milano Musica, Festival delle Nazioni di Città di Castello, Ravenna Festival, Settembre Musica e MITO, Festival d’Automne e IRCAM di Parigi, Festival di Salisburgo, Wien Modern, Münchener Biennale, Konzerthaus e Musik-Biennale di Berlino, Donaueschinger Musikstage, Warszawska Jesień, CCOT Festival di Taipei, e in teatri quali Alla Scala di Milano, Fenice di Venezia, Opera di Roma, Comunale di Bologna, Almeida di Londra, Alte Oper di Francoforte, Staatstheater di Stoccarda, Théâtre National de Chaillot, Odéon e Opéra Bastille di Parigi, Opéra National du Rhin di Strasburgo.

Collabora dal 1974 con il Centro di Sonologia Computazionale (CSC) dell’Università di Padova partecipando alla sua fondazione, svolgendo attività didattica e di ricerca nel campo dell’informatica musicale ed è tuttora membro del direttivo. Co-fondatore dell’Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI) ne ha assunto la presidenza nel triennio 1988-1990. Dal 1977 ha collaborato in varie occasioni con la Biennale di Venezia soprattutto in veste di responsabile del Laboratorio permanente per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB). Dal 1992 al 1998 ha collaborato con il Centro Tempo Reale di Firenze come responsabile della produzione musicale e dal 1976 al 2009 è stato titolare della cattedra di Musica Elettronica presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia, dal 1993 al 2013 docente di Musica Elettronica all’Accademia Internazionale della Musica Presso la Fondazione Milano, dal 2000 docente di Esecuzione e Interpretazione della Musica Elettroacustica presso il Conservatorio “C. Pollinidi Padova, dal 2016 docente nei Corsi di perfezionamento musicale  dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena per il Workshop di Musica elettronica e regia del suono. È inoltre membro del comitato scientifico della Fondazione Archivio Luigi Nono e Socio corrispondente dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti.

Ha pubblicato lavori di carattere scientifico, musicologico e divulgativo, CD e SACD con interpretazioni di opere di musica elettronica e tenuto numerose conferenze sui rapporti fra musica e tecnologia. Svolge attività didattica e di ricerca nel campo del Sound and Music Computing, studiando le potenzialità compositive ed esecutive offerte dai mezzi informatici e dai sistemi multimodali.

 

ENGLISH

Sound director, computer music researcher, and live electronics interpreter, Alvise Vidolin has given his services to several important Italian and foreign institutions and has worked for several composers such as Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, and Salvatore Sciarrino, on the electronic realisation and performance of their works in Festival such as Biennale di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Milano Musica, Festival delle Nazioni di Città di Castello, Ravenna Festival, Settembre Musica and MITO, Festival d’Automne and IRCAM  Oaris, Salzburger Festspiele, Wien Modern, Münchener Biennale, Konzerthaus and Musik-Biennale in Berlin, Donaueschinger Musikstage, Warszawska Jesień, CCOT Festival in Taipei, and in teather such as Alla Scala Milano, Fenice Venezia, Opera di Roma, Comunale di Bologna, Almeida in Londra, Alte Oper Frankfurt, Staatstheater Stuttgard, Théâtre National de Chaillot, Odéon and Opéra Bastille in Parigi, Opéra National du Rhin in Strasbourg.

He is co-founder and staff member of Centro di Sonologia Computazionale (CSC -University of Padova) where he is conducting his researching activity in the field of computer assisted composition and performance. Co-founder of the Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI) he was president of the same between 1988 and 1990.

Since 1977 he has collaborated on various occasions with the La Biennale di Venezia with special responsibility for the Laboratorio permanente per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB). From 1992 to 1998 he collaborated with the Centro Tempo Reale of Firenze with responsibility for the musical production. He held the Chair of Electronic Music at “B. Marcello” Conservatory of Music in Venezia from 1975 until 2009, he taught Electronic Music at the Accademia Internazionale della Musica delle Scuole Civiche in Milan, Italy from 1993 to 2013. He is teaching “Esecuzione e Interpretazione della Musica Elettroacustica” at the Conservatory “C. Pollini” in Padova from 2000 and at Corsi di perfezionamento musicale  dell’Accademia Musicale Chigiana in Siena concerning the “Workshop di Musica elettronica e regia del suono” from 2016. He is a member of the scientific committee of Fondazione Archivio Luigi Nono and a member of the Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti.

He has published various scientific works, CD and SACD and held conferences in the field of sound and music computing,  and he is working on the scientific potentials in composition and execution of music offered by informatic means and multimodal systems.

No additional notes